Storia della Chiesa di Cipro

v

Da viotopo News
Storia della Chiesa di Cipro

La Chiesa di Cipro è considerata una delle più antiche Chiese ortodosse indipendenti a livello mondiale, condividendo tra loro un nucleo dottrinale comune, ma non sono governate sotto lo stesso patriarca. Per ora, la Chiesa ortodossa è composta da diverse chiese autocefale, che riconoscono l'autorità del Patriarca di Costantinopoli.

Il primate della Chiesa ortodossa di Cipro porta il titolo di arcivescovo di Nuova Giustiniano e di tutta Cipro. Dal 5 novembre 2006, questo onore corrisponde a Crisostomo II.

Secondo gli scritti biblici, la Chiesa di Cipro ebbe la sua origine in epoca apostolica. Gli Atti degli Apostoli raccontano che l'apostolo Paolo arrivò a Cipro nel 45 d.C., accompagnato da Barnaba e Marco Evangelista. Il viaggio intendeva diffondere il cristianesimo. Tra i tanti eventi, un evento rilevante si verifica a Paphos, dove il funzionario romano Sergio Paulo decide di convertirsi al cristianesimo. Barnaba lasciò l'isola e tornò nell'anno 50, stabilendosi a Salami. La storia ritiene che sia stato il primo arcivescovo di Cipro. Fu trovato sepolto alla periferia di questa città, e si ritiene che sia stato lapidato a morte da un gruppo di ebrei.

Da allora, diversi vescovi si sono dedicati alla diffusione del cristianesimo a Cipro. Si ritiene che verso la fine del IV secolo, il cristianesimo si fosse diffuso in tutta l'isola. Vale la pena notare che, a quel tempo, Cipro faceva parte della diocesi orientale dell'Impero Romano, la cui capitale era Antiochia.

Come spiega il dott. Andrea Mitsidi in diversi articoli e ricerche, i ciprioti sono stati tra i primi ad accettare il cristianesimo e ad insegnarlo al di fuori di Gerusalemme. I vescovi della Neapolis Tychikos, Kouriou Filagrios e Filonidis, Tamassos Mnason e Rodi, Solos Aixivios e Theodotos di Kyrenia, così come Timon, Ariston, Aristocleian, Epaphras e Nicanor hanno contribuito alla diffusione e al consolidamento del cristianesimo a Cipro. Alcuni di loro confessarono coraggiosamente Cristo durante le persecuzioni e morirono.

Come abbiamo detto, la Chiesa di Cipro è una delle più antiche chiese autocefale. Quando l'Arcivescovo di Antiochia tentò di abolire la sua autocefalia, i sommi sacerdoti ciprioti hanno denunciato l'intervento dell'Assemblea Generale ad Efeso. Questo Sinodo Ecumenico fu fondamentale e assicurò per sempre l'autocefalia della Chiesa di Cipro.

C'è un'informazione rilevante per capire come sono arrivati a questa determinazione per garantire la loro autocefalia. Nel 478 d.C., l'Arcivescovo di Cipro, Anthemios, dopo una visione, trovò la tomba e la reliquia dell'apostolo Barnaba, nel cui petto era una copia del Vangelo di Matteo. L'arcivescovo Anthemios ha offerto il Vangelo all'imperatore bizantino Zeno, che concesse i ben noti tre privilegi imperiali all'arcivescovo di Cipro: firmare il suo nome sui documenti in inchiostro vermiglio aggiungendo il cinabro; indossare il viola tiriano invece di vesti neri sotto le sue vesti; ed essere in grado di reggere un scettro imperiale (cioè un bastone argento-dorato, coronato da un globo crocifero d'oro), invece del bastone episcopale regolare.

Church of Cyprus

Si prega di accedere o registrarsi per valutare questo nuovo.

Pubblicità