Vaccino Sputnik, un'altra opzione a Cipro

v

Da viotopo News
Vaccino Sputnik, un'altra opzione a Cipro

È passato un anno da quando purtroppo ricordato il 9 marzo 2020. Quel giorno furono confermati i primi casi di Covid-19: un medico 64 anni di Nicosia, tornato da un convegno in Inghilterra; e un 25 anni di Limassol, che era tornato nel nostro paese dopo aver attraversato l'Italia.

Da allora sono stati confermati 41.822 casi (al 20 marzo), di cui 242 sono stati fatali alla stessa data.

È essenziale sapere che il 21 marzo il vaccino è stato somministrato al 14,78% della popolazione: il nono posto tra i paesi europei che finora hanno vaccinato di più. Questi dati sono stati ottenuti dalla pagina Statista, che può essere visitata cliccando qui (Leggi l'articolo "https://www.statista.com/statistics/1196071/covid-19-vaccination-rate-in-europe-by-country/").

In questo contesto, i vaccini sono essenziali affinché i paesi ritornino a uno stile di vita «il più normale possibile», adattandosi a questa «nuova normalità».

Il governo cipriota è in attesa dell'approvazione del vaccino russo Sputnik V da parte dell'Agenzia Europea dei Medicinali (EMA). Se si verificherà questa approvazione, attiverà un accordo bilaterale già approvato un paio di settimane fa. Ciò significherà l'ingresso di 50 mila dosi del vaccino russo a Cipro in una fase iniziale.
Questo vaccino è già stato approvato in diversi paesi a livello mondiale ed è stato sottoposto a continua revisione da parte dell'Agenzia europea per la droga. Finora non è stata presentata alcuna richiesta ufficiale di autorizzazione. Se ciò accade, si ritiene che si possa richiedere molto di più.

Esistono accordi preliminari per la produzione del vaccino russo in Italia, Spagna, Francia e Germania. Anche l'Ungheria ha già acquistato questo vaccino, mentre la Repubblica ceca e la Slovacchia hanno effettuato ordini. Ma non tutto è così semplice in una pandemia. Molti specialisti delle relazioni internazionali suggeriscono che passare il vaccino Sputnik V sarebbe una «grande sconfitta politica» per l'Europa.

Il programma di vaccinazione a Cipro ha visto un particolare impulso nelle ultime settimane dall'amministrazione di Pfizer e AstraZeneca. Va aggiunto che sono stati ordinati meno vaccini Moderna, mentre solo ad aprile si prevede di gestire la consegna dei vaccini Johnson & Johnson.

In questo momento, una delle preoccupazioni sono gli effetti collaterali del vaccino AstraZeneca. Questa situazione ha generato confusione tra i funzionari e la popolazione.

L'anno scorso, il vaccino Sputnik è stato inghiottito in un mare di dubbi. Specialisti di tutto il mondo hanno messo in discussione il suo rapido sviluppo. Tuttavia, a causa della carenza di vaccini e dopo la loro approvazione, è nato un rinnovato interesse per il vaccino russo. Va ricordato che lo scetticismo sull'efficacia dello Sputnik è scomparso dopo che gli scienziati hanno scoperto che è efficace al 92 per cento contro Covid-19.

A Cipro eravamo sulla strada per una parziale revoca del blocco volto a rallentare la diffusione del virus, ma ci sono stati aggiustamenti dell'ultimo minuto dopo l'aumento dei casi. Nel frattempo, dovremo aspettare ancora un po' prima che i confini vengano riaperti ai turisti, in programma per le prossime settimane.

Si prega di accedere o registrarsi per valutare questo nuovo.

Pubblicità