Maratheftiko e altre varietà di uva a Cipro

Da viotopo News
Maratheftiko e altre varietà di uva a Cipro

L'uva ama il sole. Più sole ricevono, maggiore è il livello di zucchero e, quindi, maggiore è la concentrazione. L'uva ha anche bisogno di notti fresche per ottenere acidità e freschezza nel sapore, così come il tempo secco per proteggere contro le malattie e l'umidità.

Cipro è un paese vitivinicolo da millenni e il vino era un fattore significativo nella dieta cipriota. Ci sono testimonianze archeologiche che il vino più invecchiato al mondo ha avuto origine sull'isola mediterranea 5.000 anni fa. Poi è passato da Cipro alla Grecia e poi a Roma.

Dicono che Riccardo Cuor di Leone era talmente stupito dal gusto del vino di Commandaria che al suo banchetto nuziale a Cipro, si precipitò ad esclamare: «È il vino dei re e il re dei vini». Attualmente, solo quattro aziende vinicole lo producono. Il Commandaria è conosciuto anche come il vino dei Templari poiché divisero l'isola in comandanti, da cui il nome.

A livello internazionale, Cipro è meglio conosciuta per il vino di cui sopra. La maggior parte della produzione si basa su vitigni locali come Maratheftiko, Mavro e Xynisteri, anche se si coltivano anche viti internazionali. L'industria vitivinicola cipriota si colloca al 50° posto a livello mondiale in termini di quantità di produzione totale (10.302 tonnellate) e pro capite molto più elevata. Inoltre, contribuisce in modo significativo all'economia cipriota attraverso la coltivazione, la produzione, l'occupazione, l'esportazione e il turismo.

Maratheftiko è un antico vitigno autoctono di Cipro. Viene coltivato in quantità scarse intorno all'isola, ma soprattutto nella regione di Pitsilia. Con la rinascita di piccole cantine boutique a Cipro, questa varietà è stata riscoperta nei primi anni '80. La sua coltivazione sta lentamente aumentando in quanto offre un carattere distintivo ai vini locali. Keo, la più grande cantina dell'isola, è stata una delle aziende che hanno alimentato la sua crescita.

Maratheftiko è prodotto in quantità minime a causa della difficoltà di coltivarlo. Molto lavoro è stato fatto per creare consapevolezza e interesse per la varietà. Il più grande ostacolo nella produzione di Maratheftiko è che non è in grado di autoimpollinazione, quindi per riprodurlo, deve essere piantato accanto ad un altro vitigno che sta fiorendo allo stesso tempo. Va notato che questo vitigno non ha fiori ermafroditi come molti vitigni coltivati e richiede il co-impianto con altri tipi per raggiungere la fecondazione e lo sviluppo della frutta. Come risultato della scarsa fecondazione, i grappoli sono spesso fortemente colpiti da Millerandage. Le statistiche del 2004 rivelano che la coltivazione di Maratheftiko copre 125 ettari, rappresentando meno dell'1% dei vigneti dell'isola.

Visit Cyprus

Si prega di accedere o registrarsi per valutare questo nuovo.

Pubblicità