Giorno dell'indipendenza greca

v

Da viotopo News
Giorno dell'indipendenza greca

L'indipendenza greca è una festa nazionale che si celebra il 25 marzo. È una delle date più importanti della storia della Grecia e dei paesi che fanno parte della sua cultura e del suo patrimonio storico. Inoltre, coincide con l'Annunciazione ai Theotokos nella Chiesa greco-ortodossa, quando l'Arcangelo Gabriele apparve a Maria e le disse che avrebbe dato alla luce il figlio di Dio. La celebrazione commemora il giorno esatto in cui i greci hanno iniziato a lottare per la loro indipendenza.

Come commemorano 200 anni di questa data vitale, si prevedono celebrazioni speciali in tutto il mondo. Tale è l'entità dei festeggiamenti che feste e incontri si svolgono in luoghi diversi. Sfilate, concerti, incontri gastronomici, mostre e fuochi d'artificio sono tra le attività principali. Si prevede che a causa della pandemia Covid-19, le celebrazioni del 2021 avranno caratteristiche uniche.

Per ora, vale la pena rivedere la situazione storica 200 anni fa. La rivolta in questione avvenne il 25 marzo 1821, quando il vescovo Germanico di Patrasso alzò la bandiera della rivoluzione nel monastero di Agia Lavra nel Peloponneso. Questo gesto determinò l'inizio della guerra contro l'Impero Ottomano e i suoi alleati. Si è svolta una serie di combattimenti e battaglie, che hanno coinvolto anche Gran Bretagna, Francia e Russia, promuovendo la causa greca contro i Turchi. Il grido di «Libertà o Morte» divenne la legge di tutti coloro che hanno partecipato alla lotta contro l'esercito ottomano-africano. Dopo innumerevoli scontri via terra e via mare, la rivoluzione si è conclusa nella battaglia navale di Navarino. Lì, le forze inglesi, francesi e russe hanno distrutto la flotta ottomano-africana. Infine, nel 1829 il trattato di Edirne determinò uno Stato greco indipendente.

E' essenziale sapere che questa guerra è stata la chiave per plasmare l'Europa negli ultimi 200 anni. Questa causa ha comportato la simpatia di molti paesi, che guardavano con nostalgia il passato classico della Grecia. Molti aristocratici negli Stati Uniti e in Europa si sono uniti alla causa. Tra questi il famoso poeta Lord Byron, morto sul campo di battaglia a Messolonghi.

Purtroppo, la Guerra d'Indipendenza è stata seguita da un periodo di molti disordini civili. Gli scontri persistevano tra diverse fazioni greche, che si opposero anche alla riduzione del loro territorio. Mentre le varie parti coinvolte organizzarono il governo e cercavano un re per la Grecia, Ioannis Kapodistrias fu presidente attraverso un regime dittatoriale fino al suo assassinio nel 1831.

Molti greco-ciprioti furono a favore della rivolta greca del 1821, sostenendo l'indipendenza. Questo ha portato a dure rimproverazioni dall'Impero Ottomano. Come dati rilevanti, Il 15 ottobre 1821, un gruppo di fanatici turchi catturò e uccise un arcivescovo, cinque vescovi e quasi 40 religiosi di Larnaca e di altre città. I combattimenti e le persecuzioni continuarono, e nel settembre 1822, più di sessanta villaggi ciprioti erano completamente scomparsi. Nel 1829, molti ciprioti cercarono di incorporare Cipro in Grecia, ma ciò non accadde e continuò a far parte dell'Impero Ottomano.

Tornando ai festeggiamenti, ogni 21 marzo è una data adatta per partecipare a incontri, sfilate e fiere gastronomiche in tutto il mondo. In queste fiere vengono preparati innumerevoli piatti, molti dei quali solo per una volta. I greci cucinano uno in questo giorno: baccalà fritto con crema all'aglio. Questo piatto è caratteristico del Mediterraneo, e i suoi ingredienti sono merluzzo fresco, spicchi d'aglio, prezzemolo, farina, olio d'oliva, aceto, acqua e sale.

Si prega di accedere o registrarsi per valutare questo nuovo.

Pubblicità